lunedì 28 gennaio 2013

La scuola va aperta 11 mesi l'anno? Sì



 
 
Il sondaggio immediatamente aperto dall’Huffington  Post sulle indiscrezioni che vogliono, nell’ Agenda Monti, la scuola aperta 11 mesi l’anno, dà al momento un 36,92% di sì, un 53, 59% di no e un 9, 49% di non so.
Sto in quel poco meno di 37% di favorevoli.
Chiunque mi conosca e abbia mai parlato con me di questi temi, sa che ne sono convinta da tempo.
 
Certo, bisogna strutturare bene il “come”, non pesare sugli stessi docenti che, se lavorano con coscienza e conoscenza, arrivano a giugno spremuti più di limoni, definire gli incentivi economici adeguati, progettare con cura le attività da svolgere nei mesi più caldi ecc. ecc.
 
 
Ma, la scuola, va tenuta aperta il più possibile. Non agendo solo sulla “quantità” dell’offerta formativa, bensì sulla “qualità”. (Tema importante, ci tornerò su).
 
 

Ps: Per anni, a Nisida abbiamo svolto due sessioni di esami, una a giugno  e una a luglio. Quando tale necessità non è stata più cogente, dopo gli esami di giugno, abbiamo mantenuto una presenza  oltre la fine ufficiale dell’anno scolastico, con specifici progetti. Per esempio, la presentazione de Il parco letterario, con nuove poesie e scritti dei ragazzi, è avvenuta il 12 luglio del 2012.

Nessun commento:

Posta un commento