giovedì 2 febbraio 2012

Candelora



La Candelora, ovvero la Festa delle Candele, ovvero la Presentazione di Gesù al Tempio.
Un tempo, al mio paese, si mangiava (uno dei pochissimi giorni l’anno in cui accadeva) carne: quella conservata, nella sugna o sotto sale, dopo la macellazione del maiale e le preparazione di frittole e salumi di metà gennaio: E cu non havi sordi s'impigna 'a figghiola. (Ovvero: chi non ha carne e chi non ha soldi per comprarla, dà in pegno la figlia più piccola per poterla acquistare).
Ma era anche la giornata in cui il desiderio di primavera trovava parole:
A Candelòra du ‘mbernu simu fòra...
rispundi l’urzu ‘ntra la tana:
... Nci vonnu n’atri 40 jorna ancòra

Nessun commento:

Posta un commento