mercoledì 14 marzo 2012

Violette


Vali cchiù ‘nu colpu d’acqua di marzu e d’aprili chi ‘nu bastimentu caricu d’oru cu tutti li vili. (Vale più una pioggia a marzo e ad aprile che un bastimento carico d’oro con tutte le vele; ovviamente perché fa crescere tutte le piante della campagna).

Megghiu 'to madri mi ti 'ciangi, 'cu suli di marzu mi ti tingi. (Meglio che tua madre ti pianga - morto - piuttosto che farti annerire dal sole di marzo; sole traditore, che fa male).

Ma una giornata di sole, con la luce che esulta nel cielo e sul mare ed esplode qui e là in macchie di colore, asciuga le ossa e, almeno un po’, risana l’anima…

Nessun commento:

Posta un commento