giovedì 26 giugno 2014

Sei un bravo studente? Male. Ti sarà più difficile lavorare







Il Censis certifica (finalmente) ciò che – da un bel po’ di tempo – è (dovrebbe essere) a tutti evidente.

Se studi tanto, se studi bene, se esci dall’università col massimo e ci aggiungi, magari, il massimo, al dottorato, al master o come si voglia chiamare, non è che hai un lavoro assicurato. Anzi.

Ora, che un paese avanzato abbia un così basso numero di laureati e che non riesca neppure a impiegarli è, insieme, scandaloso e molto preoccupante: si gettano alle ortiche anni e anni di investimento sui ragazzi/e in questione, gli si toglie presente e futuro e si agisce contro l’oggi e il domani del paese.

A questo, bisognerebbe aggiungere più di una nota sulla nostra scuola, sulla sua organizzazione complessiva, sui suoi tempi, sulle competenze effettive che riesce a trasmettere e sulla sua reale rispondenza al mondo che molto velocemente cambia, sul carico di problemi che sopporta (essendo, in alcuni territori, se non il solo, uno dei pochissimi presidi di legalità e supplendo a infinite carenze del nostro tessuto sociale).

Nessun commento:

Posta un commento