venerdì 21 ottobre 2016

Il Natale in anticipo







Sabato scorso (15 ottobre), il piccolo supermercato che frequento sfoggiava già i primi prodotti dolciari inequivocabilmente natalizi. Nei giorni immediatamente precedenti non c’ero stata e, quindi, non posso escludere che, già prima di metà ottobre – un inizio d’ottobre, peraltro, a temperatura estremamente mite, con atmosfere più vicine alle estive che alle invernali– sia partito il gran battage del comprate, comprate che, per Natale, raggiunge i vertici più alti (e indigeribili) dell’anno.

Agli inizi della pubblicità televisiva, Natale cominciava, lentamente, l’8 dicembre, mentre nelle case si facevano albero e presepe: c’era una congruenza temporale tra l’attesa religiosa (l’Avvento) e la preparazione commerciale della festa. Poi, la pubblicità di panettoni e pandori è stata anticipata ai morti, con effetti abbastanza stridenti tra la sobria compostezza che più si addice alle intime memorie di quelle giornate e la posticcia allegria degli spot televisivi. Adesso, le varianti, sempre più numerose degli stessi pandori e panettoni arrivano a poche settimane dal ritorno al lavoro e non passerà più molto tempo che ci verranno proposti a partire da Ferragosto.



Dice qualcuno che, in fondo, per una sorta di nemesi storica, Natale è tornato ad essere, come in origine, una festa pagana. 

Ma, poiché la storia non si ripete mai del tutto uguale, siamo precipitati dal festeggiamento per il Sole invitto, venerato quale divinità – e che dubbio ci può essere che, per il nostro pianeta, il sole è una divinità? – all’ottundimento di una consumistica regressione infantile collettiva per la quale mettere in bocca un pezzo di un certo dolce produrrebbe chissà che. 

Fortuna che il nostro sguardo è selettivo e, una volta visti certi scaffali del supermercato, ci può ripassare davanti escludendoli dalla nostra visuale.

Ma, più fortunato, è chi, nonostante tutto, continua a cercare il senso del Natale, quando nel buio più fitto e freddo dell’inverno, la Luce si fa carne e il Verbo viene ad abitare insieme a noi.

Nessun commento:

Posta un commento